Pillola abortiva, in Toscana presto anche negli ambulatori

Red-Asa

Milano, 29 giu. (askanews) - Presto in Toscana le donne potranno effettuare l'interruzione volontaria di gravidanza farmacologica anche nei poliambulatori pubblici adeguatamente attrezzati e funzionalmente collegati agli ospedali. Lo stabilisce un delibera approvata dalla giunta nella seduta di oggi. Alla delibera allegato il "Protocollo operativo per l'interruzione volontaria di gravidanza (Ivg) farmacologica", redatto sulla base del parere del Consiglio Sanitario Regionale del 2014, per poter garantire l'offerta della Ivg farmacologica come prestazione ambulatoriale.

La delibera fornisce alle Aziende sanitarie raccomandazioni aggiornate relative al protocollo e definisce il ruolo dei consultori nel percorso Ivg. Sulla base del Protocollo, dovr essere poi adottato un documento clinico-operativo, da approvare con un atto dirigenziale, dedicato all'offerta della Ivg farmacologica anche a livello ambulatoriale. La Toscana stata la prima Regione ad adottare l'aborto farmacologico, con la Ru486. Ora la prima a prevederne l'attuazione anche negli ambulatori, purch collegati con gli ospedali.

"La Toscana sar la prima Regione a prevedere la somministrazione della Ru486 al di fuori dell'ospedale, ma sempre in collegamento con l'ospedale, in ambulatori specializzati e autorizzati a farlo - ha sottolinea il presidente Enrico Rossi - E' un passo avanti importante per estendere ulteriormente un'appropriata prestazione sanitaria, in linea con la nostra storica impostazione. Fummo i primi a partire acquistando la Ru486 all'estero, ritenendola pi sicura dell'aborto chirurgico. Poi nel 2014 il Consiglio sanitario regionale adott un parere, dichiarando non necessario il ricovero ospedaliero, ed ecco l'evoluzione che era tanto attesa".