Pillon (Lega): no a suicidio di Stato, Consulta scavalca Parlamento

Rea

Roma, 26 set. (askanews) - "Con quest'ultima sentenza la Consulta ha di fatto aperto la strada al suicidio di Stato, scavalcando le prerogative del parlamento e sostituendosi al legislatore. È sconcertante che decisioni tanto delicate siano prese a colpi di sentenze". Lo dichiara Simone Pillon, senatore della Lega.

"La vita umana è sacra e inviolabile. Ci batteremo perché le persone malate o in situazioni di sofferenza non siano mai tolte di mezzo, ma possano in ogni situazione avere sostegno, supporto e terapie antidolore per poter lasciare serenamente questa vita senza esser costretti a suicidarsi. Qualcuno porterà per sempre questa decisione sulla coscienza", conclude.