Pinduoduo, su piattaforma cresce domanda di prodotti agroalimentari italiani

·3 minuto per la lettura
Pinduoduo, su piattaforma cresce domanda di prodotti agroalimentari italiani
Pinduoduo, su piattaforma cresce domanda di prodotti agroalimentari italiani

Roma, 10 mar. (Adnkronos) – Opportunità di esportazione per i marchi italiani su Pinduoduo, la più grande piattaforma agroalimentare della Cina. La domanda di prodotti italiani, riferisce la società, continua a crescere fortemente su Pinduoduo, la più grande piattaforma cinese di E-commerce per prodotti agroalimentari, offrendo ai produttori e manifatturieri europei una preziosa domanda di esportazione. Fondata nel 2015, Pinduoduo è l'unica piattaforma di Marketplace nel mondo che opera solo sui cellulari e ha aperto la strada a un'esperienza di E-commerce interattiva. La Gmv totale per la piattaforma è cresciuta del 73% a 1,46 trilioni di Rmb (214,7 miliardi di dollari) per i 12 mesi terminati a settembre 2020, con una base di utenti di 731 milioni di acquirenti attivi annuali.

Da Ferrero Rocher, caffè Illy e vino Chianti, a dentifrici theramed e frullatori Smeg, i consumatori cinesi stanno scattando le offerte gastronomiche e manifatturiere italiane attraverso Pinduoduo, la piattaforma nota per offrire prodotti di alta qualità e un buon rapporto qualità-prezzo.

"I consumatori cinesi sono tra gli acquirenti più avventurosi al mondo e sono aperti a provare nuovi marchi, anche poco conosciuti, purché tu possa dimostrare che sono di buona qualità e rapporto qualità-prezzo", ha detto un portavoce di Nihao Group, un grande distributore multimarca di prodotti italiani. "La domanda cinese sta dando nuova vita a marchi di seconda e terza fascia in Europa e altrove, che potrebbero non essere così conosciuti a livello internazionale, ma vantano grande valore per la qualità che offrono", ha detto il portavoce.

L'entusiasmo dei consumatori cinesi per l'Italia è stato esposto durante un livestream tenuto da Pinduoduo per promuovere i vini italiani lo scorso novembre. Nell'ambito della fiera Wine to Asia di Shenzhen, Pinduoduo ha invitato i rappresentanti dell'Italian Trade Agency a entrare nel vivo e condividere le ricche tradizioni culinarie e vinicole del Belpaese. Il livestream ha attirato oltre 470.000 spettatori, i quali hanno fatto cultura dei vini di Indicazione Geografica Protetta, provenienti da Asti, Chianti e la Toscana,.

"Il vino fa parte della vita e della cultura italiana e rappresenta gioia e condivisione", ha detto Cecilia Costantino, rappresentante dell'Italian Trade Agency a Guangzhou, sul livestream di Pinduoduo. "Bere una buona bottiglia di vino nutre la tua salute e la tua anima." I clienti di Pinduodu sono d'accordo. Hanno acquistato più di 20.000 articoli dal "Padiglione Italia" e hanno contribuito a incrementare le vendite complessive di vino italiano sulla piattaforma del 160% nel giorno del livecast. La piattaforma Pinduoduo è stata pioniera nell'acquisto del team in cui gruppi di consumatori possono unirsi per comperare un prodotto a un prezzo inferiore, un modello che permette di arrivare a un grande volume di ordini in pochissimo tempo.

Pinduoduo ha guidato il settore nel numero di utenti medi giornalieri il 12 febbraio e il 13 febbraio, i primi due giorni del Capodanno cinese, in quanto ha fornito servizi ininterrotti durante il periodo delle vacanze, secondo i dati di QuestMobile, una società di ricerca del settore. L'azienda ha superato i 100 milioni di ordini giornalieri durante la settimana della Festa nazionale cinese dell’ottobre, spinta dall'enorme domanda dei prodotti agroalimentari. In termini di profilo del cliente, Pinduoduo ha la più alta percentuale di giovani utenti tra le principali piattaforme di e-commerce cinesi. "Vogliamo che i nostri consumatori scoprano il meglio che il mondo ha da offrire, indipendentemente dal budget su cui si basano perché se lo meritano", ha dichiarato Andre Zhu, Senior Vice Presidente di Pinduoduo. "Ecco perché cerchiamo nel mondo prodotti di buona qualità da portare nella nostra vasta e attiva base di consumatori. Offriamo ai marchi internazionali l'accesso a un pool di consumatori che guidano la spesa e vengono a definire le tendenze per gli anni a venire".