Pingu resta senza voce: addio al doppiatore Carlo Bonomi

Pingu (foto: YouTube)
Pingu (foto: YouTube)

La sua voce ha fatto compagnia a generazioni di italiani, che ne fossero consapevoli o meno. C'era infatti lui dietro ogni singolo personaggio di Pingu, fortunata serie animata che per oltre 15 anni la Rai ha trasmesso su vari suoi canali. Ma lui era anche il Capitan Findus delle pubblicità (quello originario, dalla folta barba bianca), il Signor Rossi di Bruno Bozzetto, e tanti altri personaggi di Carosello. Parliamo di Carlo Bonomi, doppiatore dal timbro inimitabile e amatissimo in tutta Italia, che si è spento all'età di 85 anni.

GUARDA ANCHE: Pasqua, Bruno Bozzetto: do voce agli agnelli per difendersi

Carlo Bonomi era nato a Milano, il lontano 12 marzo 1937. E il suo legame con il capoluogo lombardo era evidente in tanti modi. Sia per i territori in cui si sviluppò la sua carriera, sia per il fatto di aver prestato la voce proprio alla Stazione Centrale cittadina (era lui ad annunciare l'arrivo e la partenza dei treni, prima che subentrassero le voci computerizzate). Ma proprio a Pingu diede un tocco di meneghinità, con quel particolare linguaggio che rese il cartone unico nel proprio genere.

LEGGI ANCHE: L'avventura di Pingu

Buona parte del successo di Pingu in Italia (il cartoon, ricordiamolo, è in realtà svizzero) deriva proprio da quel linguaggio incomprensibile che gli ha permesso di conservare la propria fama anche ai giorni nostri. Ebbene, era tutta farina del sacco di Carlo Bonomi. Che non solo doppiò tutti i personaggi della serie, ma coniò la loro parlata attingendo dal repertorio di Dario Fo, reinterpretando il suo particolarissimo Grammelot in un modo che fosse a portata degli spettatori più piccoli.

Ma non è tutto, perché oltre a Pingu sono tantissimi i personaggi amati da grandi e piccini che in Italia avevano la voce di Carlo Bonomi. Uno di loro è Topolino, in particolare quello del "Topolino Show" andato in onda negli anni '80 su Rete 4. Ma è impossibile non ricordare Calimero, l'amatissimo pulcino del Carosello Rai. E, a testimonianza del timbro straordinariamente eclettico del doppiatore milanese, anche personaggi che al contrario erano caratterizzati da un vocione cavernoso. Come l'Ippopotamo Pippo della Lines, il Mago G della Galbusera, l'immortale Fred Flintstone e il già citato Capitan Findus.

GUARDA ANCHE: 'La musica raccontata da Topolino' il TopoLibro con i conduttori dell'Eurovision 2022

Una carriera lunghissima, iniziata proprio con il Carosello già nel 1957 (e la tv, in Italia, era arrivata appena tre anni prima). Qui Carlo Bonomi rimase per vent'anni, l'intera durata del programma televisivo pubblicitario per antonomasia della Rai. E poi cartoni animati di ogni genere, da Pingu ai personaggi dell'Uomo Ragno, della Disney, della produzione animata italiana. Uno vero e proprio amico dei più piccini. La cui voce, che ha fatto sorridere l'Italia per più di sessant'anni, si è ora mutata per sempre.