Pioacenza, la sorella di Elisa: unica cosa è ritrovare Ely

Red/Nav

Roma, 7 set. (askanews) - "Volevo informarvi che tutto quello che si poteva dire su Elisa è stato detto, perciò per quanto mi riguarda ormai può presentarsi anche la CNN alla porta, ma se insieme alla troupe non c'è mia sorella io non apro. Io capisco che ognuno deve necessariamente fare il proprio mestiere e che ognuno sia libero di esprimersi e scrivere quello che vuole, però rimango convinta del fatto che al di là di questa tragedia, ci vuole testa e questo vale per ogni situazione".

"Io non so se l'altra parte si sia informata o meno per la scomparsa anche di Massimo, ma mi sento in dovere di parlare per i miei amici e per la mia famiglia: l'unica cosa che conta è trovare l'Ely punto e stop. Nessuno vuole mettersi in mostra e nessuno vuole improvvisarsi detective, perciò sempre con rispetto vediamo di mantenere le distanze perchè secondo voi è normale mandare il proprio compagno a prendere la colazione al bar in cui vado da sempre e trovare pieno di giornalisti? È normale che dopo averla presa io stia in un condominio da parte a bere il caffè in piedi sperando che nessuno mi veda o mi senta? È normale che ogni volta che mi si illumina lo schermo io legga 'Ciao Francesca sono..'?"

"A voi l'ardua sentenza. So che questo post aizzerà le masse, ma tanto ormai, la mia tranquillità anche mentale è andata a farsene un giro! Questo non è un gioco, io personalmente stavo tanto bene nel mio piccolo mondo nella mia piccola realtà con il mio nome e cognome che non sapeva di niente. Perciò ora nella maniera più educata che possa esistere vi chiedo solo un po' d'aria perchè la situazione è molto delicata e sono sicura che tutti nel bene o nel male si stiano impegnando a mettere un punto questo incubo".

"Colgo l'occasione di ringraziare tutti anche le persone che si sono espresse male nei confronti di mia sorella, perchè io personalmente l'odio è un sentimento che non conosco e penso che appunto perchè si parla di lei in un modo o nell'altro questa storia abbia lasciato il segno. Concludo dicendo che io nutro ancora fiducia nell'animo umano, ed è proprio per questo che mi auguro che queste parole non vengano ne strumentalizzate ne fraintese".