Pioggia e burrasche, primo weekend di novembre con forte maltempo

(Adnkronos) - Un ciclone attraversa l’Italia dalla Liguria alla Calabria: il minimo di bassa pressione attualmente posizionato davanti a Genova, e definito in gergo meteorologico ‘Genoa Low’, si sposterà in 48 ore verso le regioni ioniche; domenica si approfondirà e diventerà un importante ‘Ionio Low’.

Tutte queste ‘Lows’, in altre parole cicloni anche profondi, porteranno un sensibile rinforzo del vento. Sono attese burrasche forti dalla Liguria alla Sardegna, poi verso il meridione. Il vento sarà associato ad un brusco calo delle temperature. A questa lista di ingredienti meteo si aggiungeranno neve, acqua alta a Venezia e piogge intense. Se consideriamo anche la possibilità di qualche mareggiata avremo un weekend ‘perfetto’ dal punto di vista del maltempo. Prestate dunque attenzione.

Antonio Sanò, Direttore e Fondatore del sito www.iLMeteo.it, indica nelle regioni settentrionali il primo bersaglio della Genoa Low, insieme al versante tirrenico e alla Sardegna. Sono attese nevicate fino ai 1400-1500 metri sulle Alpi e piogge intense verso il Triveneto. Sulle regioni tirreniche, fino alla Campania, insisterà il rischio nubifragi a causa della temperatura calda del mare e alla vorticità della Genoa Low: in altre parole la perturbazione sarà intensa e troverà anche tanta energia sulle acque ‘bollenti per il periodo’ del Mediterraneo.

In sintesi tanta neve sulle Alpi Orientali, tante piogge sulle pianure del Triveneto, temporali al Centro, trepidante attesa al Sud.

Ma l’attesa del maltempo al Sud sarà breve, infatti, già nel corso del pomeriggio, avremo piogge e vento anche sul meridione con un graduale calo termico. Anche su queste zone sono previsti dei temporali forti, localmente non si escludono nubifragi in particolare lungo la linea costiera tirrenica.

Durante il weekend il ciclone si isolerà gradualmente sul Mar Ionio e da questa posizione porterà maltempo al Sud e sul medio versante adriatico. Avremo un crollo di 10°C delle massime anche su queste zone e domenica 6 novembre non sembrerà nemmeno una lontana parente della domenica precedente: lo scorso 30 ottobre avevamo l’Estate infinita con 27°C al Nord e oltre i 32°C al Sud; il 6 novembre, dopo soli 7 giorni, le minime del Nord sfioreranno lo zero e le massime del Sud saranno tipiche di inizio dicembre.

Un ribaltone meteo che probabilmente sarà seguito da altre sorprese, ma aspettiamo conferme per capire cosa succederà la prossima settimana.

NEL DETTAGLIO

Venerdì 4. Al nord: maltempo su Alpi, Lombardia, Triveneto, neve a 1400-1500 metri. Centro: veloce maltempo su Toscana, Umbria, Lazio, a tratti anche in Sardegna. Sud: entro sera peggiora fortemente ovunque.

Sabato 5. Al nord: sole, ma freddo al mattino. Centro: maltempo sulle Adriatiche. Sud: maltempo, arriva l’autunno.

Domenica 6. Al nord: soleggiato con locali gelate notturne. Centro: migliora salvo ultime piogge sulle adriatiche. Sud: maltempo residuo.

Tendenza: possibile Novembrata di San Martino con sole e temperature miti, salvo possibili disturbi al Nord.