Piombino, Governo si opporrà a ricorso Tar contro rigassificatore - Pichetto Fratin

Il ministro dell'Ambiente e della Sicurezza energetica, Gilberto Pichetto Fratin, a Roma

ROMA (Reuters) - Il ministro dell'Ambiente e della Sicurezza energetica, Gilberto Pichetto Fratin, annuncia che il Governo si opporrà al ricorso presentato al Tar dal Comune di Piombino contro l'autorizzazione concessa dal commissario straordinario Eugenio Giani alla realizzazione del rigassificatore nel porto della città.

"Attendiamo la sentenza del Tar. Noi ci opporremo naturalmente al ricorso del comune di Piombino. Certamente abbiamo bisogno di quei 4-5 miliardi di metri cubi di gas che verrebbero da Piombino", ha risposto il ministro a Reuters a margine di un convegno della Coldiretti.

Anche il commissario Giani, che è anche presidente della Regione Toscana, si opporrà al ricorso. "Faremo le nostre memorie per costituirci in giudizio a tutela di un atto che è stato fortemente partecipato: 3 conferenze dei servizi, 35 enti sentiti, si è preso nota di più di 70 enti che hanno mandato pareri, giudizi e formulato indicazioni", ha dichiarato, spiegando che prima di procedere, si metterà d'accordo con il ministro competente: "Delle valutazioni che ha fatto stamani ho apprezzato la serietà e la coerenza di continuità amministrativa che ha espresso".

Snam, cui spettano i lavori di costruzione del gasdotto che collegherà il terminale Gnl alla rete, "sta studiando gli argomenti del ricorso e predisporrà una memoria", ha detto un portavoce.

Il Comune di Piombino, guidato dal sindaco di Fratelli d'Italia Francesco Ferrari, ha notificato ieri il ricorso al Tar del Lazio.

(Angelo Amante, in redazione Giancarlo Navach, editing Stefano Bernabei)