Pipistrelli, che memoria di ferro!

(Adnkronos) - Un team di ricercatori dello Smithsonian Tropical Research Institute (STRI) ha scoperto che i pipistrelli possono ricordare i suoni delle loro prede - come rane e grandi insetti - fino a quattro anni di distanza. Gli scienziati hanno infatti addestrato un gruppo di 49 esemplari all’ascolto di alcuni suoni riprodotti dagli altoparlanti. Gli animali hanno imparato rapidamente a volare verso gli speaker che promettevano un'esca in premio, tralasciando gli altri. Dopo il rilascio in natura con microchip e attesa la scadenza dei quattro anni, gli esperti ne hanno recuperati otto. Quando hanno riprodotto di nuovo i suoni sperimentali, i pipistrelli li hanno riconosciuti, guadagnandosi a buon diritto l'esca.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli