Pirlo: "Strada in discesa grazie all'approccio giusto. Ora l'Inter. Seconde squadre? Apriamo la mente"

Antonio Parrotto
·2 minuto per la lettura

Andrea Pirlo, allenatore della Juventus, è intervenuto ai microfoni di Sky Sport per commentare il match dei quarti di finale di Coppa Italia contro la Spal vinto dai bianconeri per 4-0. Ecco le sue dichiarazioni.

E' arrivato il passaggio del turno.

"Il nostro obiettivo era passare il turno e lo abbiamo fatto con una squadra che sta facendo bene nel suo campionato. L'abbiamo affrontata nel giusto modo e abbiamo avuto una partita in discesa grazie all'approccio dei ragazzi".

Dosare le forze?

"E' dall'inizio della stagione che giochiamo ogni 3 giorni, dobbiamo pensare una gara per volta. Sabato giocheremo contro la Sampdoria che è già un impegno importante".

Buffon?

"Sta bene, sta dimostrando che può giocare con calcio, speriamo che resti ancora con noi, ci fa solo piacere".

Andrea Pirlo | Jonathan Moscrop/Getty Images
Andrea Pirlo | Jonathan Moscrop/Getty Images

Tanti giovani in campo oggi: non è doveroso puntare sui giovani dei nostri vivai?

"La Juve è stata la prima e unica squadra a fare la seconda squadra e credo sia stata una crescita azzeccata, un conto è pescare giocatori in Primavera e un altro è pescarli dalla Lega Pro. Bisognerebbe aprire un po' la mente alle altre società".

Kulusevski punta?

"Può ricoprire più ruoli, oggi anche per esigenza ha giocato come attaccante, ma può fare la seconda punta, il trequartista, l'esterno. E' un ragazzo interessante che sta vivendo un buon momento, peccato che sabato sia squalificato, avrà tempo per recuperare per le prossime".

Fagioli?

"E' un ragazzo molto interessante che si allena con noi da qualche tempo. Può fare il regista perché è cresciuto come me da trequartista ma è portato alla costruzione del gioco, non è una mezz'ala, ha grande visione di gioco, ha buona tecnica. Non diamogli troppe responsabilità ma potrà crescere. Secondo me è un regista".

Ora la Juve in campionato sta rincorrendo: come viene vissuta questa situazione?

"Al primo anno con me eravamo dietro al Milan per tutto il campionato e poi vincemmo noi. Non ci dà problemi, sappiamo che dipende da noi. Il campionato è lungo, dobbiamo pensare a noi stessi, il nostro cammino dipende da noi".

Altro derby d'Italia?

"Sarà ravvicinato ma siamo contenti perché la Coppa Italia è un nostro obiettivo e ci prepareremo al meglio la prossima settimana".

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Juventus e della Serie A.