Pisa, protocollo legalit per lavori in ospedale di Cisanello

Red/Gca
·1 minuto per la lettura

Roma, 20 lug. (askanews) - I rappresentanti della regione, della provincia e del comune di Pisa hanno apprezzato l'iniziativa del prefetto e la presenza del ministro Lamorgese evidenziando l'importanza di uno strumento di garanzia della legalit che riguarda la realizzazione di uno dei pi importanti centri medici nazionali di cura e ricerca, struttura di eccellenza della sanit toscana. Con il protocollo, inoltre, vengono estese le cautele antimafia sia al di sotto della soglia prevista dalla legge che nei confronti della "filiera delle imprese". Prevista l'immediata risoluzione del vincolo contrattuale nei confronti delle imprese che vengano colpite da informazione interdittiva. Allo stesso tempo, saranno potenziati i controlli sulla regolarit retributiva e contributiva e sull'osservanza delle norme a tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori. Un'attenzione particolare dedicata anche ai temi della tracciabilit dei flussi finanziari, della prevenzione della corruzione e al monitoraggio dei flussi di manodopera. Al fine di garantire, peraltro, il monitoraggio congiunto e la valutazione complessiva della regolare esecuzione degli adempimenti del protocollo, prevista la costituzione presso la prefettura di una cabina di regia. Il modello convenzionale consentir, attraverso una attenta e accurata valutazione di tutti i possibili indicatori di rischio, di anticipare i fenomeni negativi e i tentativi di infiltrazione.