A Pistoia una 18enne è stata distolta da una lunga conversazione e si è ritrovata sola e "prigioniera"

Cliente chiusa in un locale soccorsa dai Carabinieri
Cliente chiusa in un locale soccorsa dai Carabinieri

Disavventura in Toscana per una cliente che resta chiusa dentro la pizzeria mentre parla al cellulare: liberata dai carabinieri. A Pistoia una 18enne è stata distolta da una lunga conversazione e si è ritrovata da sola e “prigioniera”. Sarebbe accaduto tutto durante l’ora di pranzo, quando la ragazza, distratta da una chiamata che si è evidentemente protratta un bel po’, si è ritrovata chiusa dentro i locali deserti del locale “Superpizza” in via Atto Vannucci.

Cliente resta chiusa dentro la pizzeria

La donna è stata liberata verso le 15.30 grazie all’intervento dei carabinieri e dei vigili del fuoco. Al numero di emergenza 112 infatti è giunta una chiamata ed i militari della territoriale sono arrivati a razzo sul posto. Il timore, desunto dal tono della telefonata, era che la 18enne, “fortemente spaventata, potesse accusare un malore”, come riporta La Nazione.

Inutili le ricerche del titolare del locale

Del titolare infatti non vi era traccia alcuna e tutti i tentativi per reperirlo erano stati inutili. A distanza di un’ora le squadre di soccorso hanno contattato un condomino del palazzo che  custodiva le chiavi di una porta secondaria del negozio. La sfortunata cliente è stata così finalmente liberata. Secondo i media la 18enne, provata ma in buona condizioni di salute, avrebbe rifiutato le cure mediche e ha “ammesso di essere stata distratta dall’uso del cellulare”.