Pitt accusa la Jolie: " Ha venduto le nostre vigne a oligarca russo per ferirmi"

Brad Pitt e Angelina Jolie
Brad Pitt e Angelina Jolie

I legali di Brad Pitt chiedono un processo all’ex moglie Angelina Jolie per aver venduto la quota nei vigneti francesi che avevano in comproprietà a un oligarca russo costringendolo a collaborare “con uno sconosciuto”.

Brad Pitt vs Angelina Jolie

Neanche il tempo di archiviare la dura battaglia legale Deep – Heard che un’altra se ne profila all’orizzonte. Destinata ad avere un seguito mediatico planetario, non solo per i nome dei due protagonisti ma anche perchè nella possibile causa – con alcuni elementi usciti sui notiziari già alcuni mesi fa – irrompe la crisi Ucraina.

Secondo quanto riferisce infatti la Bbc, Brad Pitt ha fatto causa all’ex moglie Angelina Jolie per aver venduto la sua quota di un vigneto francese in comproprietà a un oligarca russo. Secondo i nuovi documenti legali citati dal notiziario del Regno Unito Pitt avrebbe detto che “Angelina Jolie ha cercato di infliggere danni” al suo ex marito Brad Pitt nella vendita del vigneto acquistato insieme nel 2008″ perchè tale decisione lo ha costretto ” a collaborare con uno sconosciuto“.

L’oligarca rsso Shefler

Da quanto riferisce ancora la Bbc – che cita l’agenzia di stampa PA – la Jolie avrebbe venduto la sua quota a un produttore di alcolici con sede in Lussemburgo controllato dal russo Yuri Shefler.

Da quanto scirve oggi “Il Fatto Quotidiano”In realtà emerge ora che lo stesso Shefler, lo scorso marzo, aveva rilanciato un comunicato per ribadire di aver lasciato la Russia già nel 2002 per l’opposizione a Putin e di aver cambiato il nome della propria azienda, Stolichnaya, chiamandola Stoli “in segno di solidarietà verso l’Ucraina”. Ma evidentemente questo non è bastato ai legali di Pitt, che ora rilanciano”.

I legali della Jolie al momento non commentano

Gli avvocati di Pitt hanno chiesto un processo con giuria sostenendo che gli ex “Brangelina” non si erano mai messi d’accordo per vendere la tenuta e per di più senza il reciproco consenso. Per il momento i rappresentanti della Jolie hanno rifiutato di commentare quando sono stati contattati dalla BBC. Di recente l’attrice, inviata speciale dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati, si era recata in visita a Leopoli per parlare con alcuni rifugiati ucraini.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli