Piuri (Trenord): in 10 mesi recuperate affidabilità e...-2

Mda

Milano, 17 ott. (askanews) - Da gennaio 2020 sulle linee lombarde inizieranno a circolare i primi dei 180 nuovi treni che, secondo Trenord, cambieranno il volto del sistema ferroviario regionale. "Dopo le prove tecniche, i nuovi convogli entreranno progressivamente in servizio. Ci vorrà tempo per migliorare la percezione dei nostri viaggiatori. Il miglioramento sarà costante. Ma il sistema nel suo complesso deve crescere e innovare: la domanda di treno continua a crescere, ma la Lombardia continua ad avere il 53% delle linee a binario unico. Il sistema ferroviario ha bisogno di maggiore fluidità: basti pensare al ritmo di crescita di Milano Centrale, che nel 2015 accoglieva 550 treni al giorno, oggi ne riceve 680, che saliranno a oltre 700 con il cambio orario di dicembre. La Lombardia ha un servizio ferroviario senza pari in Italia e merita treni e reti adeguati a garantirlo".

In merito alla recente introduzione di STIBM, il Sistema Tariffario Integrato del Bacino di Mobilità, l'AD Piuri ha così commentato: "Trenord è l'operatore di trasporto di più ampia diffusione in Lombardia: per questo, era inevitabile che le modifiche riguardanti il trasporto ferroviario interessassero un maggior numero di persone. Grazie alle novità introdotte - come le agevolazioni per gli under 26 e per gli over 65 - e in seguito alla definizione delle compensazioni per gli abbonati che utilizzano solo il treno, il nuovo sistema sarà uno strumento strategico per dare vita in Lombardia a una mobilità davvero integrata e sostenibile. Un percorso di cui noi vogliamo essere promotori". Nei giorni scorsi, Trenord ha implementato sulla propria App l'opzione di acquisto del biglietto urbano per circolare nelle zone Mi1-Mi3; è inoltre disponibile sul sito trenord.it la pagina dedicata alle richieste di rimborso.