Pixies, il robot italiano a energia solare che pulisce le città

Lorenzo Santucci
·2 minuto per la lettura
Da sinistra: Pierpaolo Ceccaranelli, Flavio Ceccarelli e Andrea Saliola (Photo: Pixies)
Da sinistra: Pierpaolo Ceccaranelli, Flavio Ceccarelli e Andrea Saliola (Photo: Pixies)

Pensare nel breve termine alla città del futuro, autosufficienti e sostenibili, non è poi così impossibile e non solo perché ce lo sta chiedendo a gran voce l’Europa - gran parte del Recovery Fund dovrà essere utilizzato per la transizione ambientale . Nella testa di tre giovani ingegneri, tutti di venticinque anni e romani, questo concetto è fissato da tempo: per dare inizio alla trasformazione urbana e per far tornare a respirare le città, potrebbe infatti bastare la startup di Pixies, arrivata alla fase finale del Green Alley Award, premio internazionale dedicato all’economia circolare che mette in palio 25mila euro per le migliori startup europee. Ora sono rimaste in venti, ma “il 22 aprile ci diranno se saremo tra le prime sei”, spiega ad Huffpost Andrea Saliola, che insieme a Pierpaolo Ceccaranelli e Flavio Ceccarelli è il padre di Pixies. Un robot, capace di unire intelligenza artificiale e robotica, realizzato interamente in plastica riciclata stampata in 3D, completamente autonomo e che si ricarica con l’energia solare, in grado di raccogliere e differenziare i rifiuti gettati nelle strade cittadine. Una volta esaurita la carica di 12 ore, il robottino rettangolare torna al punto di partenza, ovvero all’interno di una panchina.

Questa “si configura come hub di ricarica per due Autonomous Mobile Robot (AMR), con capacità di 50 litri ciascuno, in grado di uscire nell’ambiente circostante e raccogliere i rifiuti seguendo dei percorsi prestabiliti”, continua Saliola. Ha appena terminato una videoconferenza con il Politecnico di Torino, dove Pixies è stata pre incubata da I3P e con cui condividono le strategie e piani economici.

Tra questi, c’è sicuramente quello del risparmio per la casse comunali, che “oscilla tra il 30% e il 40%. Siamo già entrati in contatto lo scorso novembre con alcune piccole municipal...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.