Pizzul (Pd): da Lega e alleati salvano Fontana ma difesa disperata

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 2 feb. (askanews) - "Lega e alleati hanno salvato ancora una volta Fontana e la sua giunta, ma è una difesa disperata di un fortino che si sta evidentemente sgretolando". E' quanto dichiara il capogruppo del Pd in Regione Lombardia, Fabio Pizzul, dopo la bocciatura, in Consiglio regionale, della mozione di sfiducia al presidente regionale Attilio Fontana. "Da marzo scorso hanno sempre negato problemi ed errori, ma hanno cambiato prima il direttore generale della sanità e poi l'assessore proprio perché le cose non hanno funzionato - sottolinea Pizzul - La mozione di sfiducia è stata respinta, ma le cose non cambiano: la Lombardia va salvata da questa crisi e Fontana e la sua giunta non sono in grado di farlo"

Per la Segreteria metropolitana del Pd Milano, Silvia Roggiani "la maggioranza ha fatto quadrato per difendere l'indifendibile Fontana". "Non ci stupisce che la destra abbia tradito la fiducia dei suoi cittadini, pur di non ammettere i propri errori - prosegue Roggiani - Errori, ritardi e fallimenti tutti in capo a una giunta che pensava di alleggerire le sue responsabilità scaricando Gallera, senza però riuscirci. La verità è che nessuno potrà mai riportare indietro le lancette del tempo. Nulla potrà annullare la scellerata decisione di mandare malati Covid nelle Rsa o restituire ai commercianti i guadagni bruciati a causa di dati errati che ci hanno fatto finire in zona rossa".

Roggiani ricorda che "dopo aver scaricato Gallera, Salvini ha chiamato in Regione la Moratti che di miracoli ne ha fatti ben pochi, anzi, possiamo dire che è bastato davvero poco per farci rimpiangere il suo predecessore. Adesso sparano l'ultima cartuccia, rispolverando Guido Bertolaso. Fare peggio di quanto fatto finora è davvero un'impresa ardua, nella quale questa giunta però potrebbe riuscire". Per questo invoca le dimissioni: "Restiamo convinti che per la Giunta Fontana l'unica cosa sensata da fare sarebbe quella di dimettersi".