Pizzul (Pd): Fontana con mascherina, immagine negativa Lombardia

Mda

Milano, 27 feb. (askanews) - "Mostrandosi con la mascherina il presidente Fontana ha amplificato in modo incalcolabile i danni economici causati alla Lombardia dall'emergenza Coronavirus. Mentre tutti chiediamo di far ripartire la nostra economia chi ci vede da fuori ha negli occhi l'immagine del suo presidente che teme di essere stato contagiato. Noi abbiamo bisogno di segnali di chiarezza e di serenità, perché le persone affrontino nel modo corretto la diffusione del coronavirus senza sottovalutazioni e senza isterismi". Lo dichiara il capogruppo del Pd in Regione Fabio Pizzul in merito agli ultimi sviluppi della vicenda della diffusione del Covid 19 in Regione Lombardia.

"Chiediamo ai tecnici - prosegue la nota - di valutare con attenzione la possibilità di far ripartire le nostre città, che non possono essere bloccate ad oltranza, e di fornire indicazioni che possano permettere alle attività economiche di ripartire, seppure con le giuste accortezze. La Regione ha ridefinito le regole sui bar? Bene, lo faccia anche per i mercati rionali, trattandoli in modo analogo ai supermercati, per le attività sportive e per gli spettacoli".

"È necessario - ha aggiunto Pizzul - che vengano date regole chiare e tempestive, in modo che i sindaci abbiano direttive precise e inequivocabili: non ci si può più permettere la confusione di questi giorni e non si può arrivare a domenica sera per capire se le scuole rimarranno ancora chiuse. Oggi, oltre al fronte economico, c'è quello del sistema sanitario regionale". Per Pizzul, "sarebbe auspicabile un coinvolgimento delle strutture accreditate private per consentire una migliore gestione dell'emergenza che si è manifestata in diversi presidi e per far sì che il sistema possa reggere, nel medio lungo periodo il probabile aumento dei casi da trattare in terapia intensiva."

In merito, il gruppo regionale del Pd ha scritto al presidente Fontana e al ministro Speranza una lettera con cui chiede che: i mercati rionali siano parificati a iper e supermercati, magari rivedendo il divieto di apertura al sabato; che Trenord riveda le rimodulazioni e limitazioni in atto, ovviamente ad esclusione della zona rossa, perché non si penalizzino eccessivamente i pendolari che, soprattutto in caso di soppressioni potrebbero trovarsi eccessivamente stipati nei convogli delle corse successive; che si rivedano le decisioni assunte nei confronti del settore culturale, dello spettacolo e dello sport, al fine di non bloccare completamente l'attività qualora si possa garantire la non eccessiva concentrazione di persone; infine, il gruppo regionale del Pd chiede di valutare, sulla base dell'evoluzione epidemiologica, l'opportunità di modificare i confini della zona gialla per consentire la ripresa delle attività nelle zone considerate a rischio più basso.