Pizzul (Pd): universalità e prossimità per cambiare sanità lombarda

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 23 ott. (askanews) - "Abbiamo la fortuna, nel nostro Paese, di avere un articolo della costituzione, il 32, che dice che il diritto alla salute è universale e abbiamo anche una legge che risale al 1978 che dice che il sistema sanitario nazionale garantisce a tutti le migliori cure possibili. Purtroppo, però, viviamo in una regione che ormai da più di vent'anni non garantisce l'applicazione di quel principio". Sono le parole con cui il capogruppo Pd al Consiglio regionale della Lombardia, Fabio Pizzul, ha iniziato il suo intervento questa mattina, in piazza del Duomo a Milano, durante la manifestazione promossa dalla campagna "Dico 32" "per cambiare la sanità lombarda e dire basta al sistema modellato e rimodellato dalle giunte Formigoni, Maroni e Fontana".

"È dal 1995 che le diverse leggi che si sono succedute in Regione Lombardia non garantiscono la piena applicazione della normativa nazionale e i motivi sono almeno tre: non si garantisce l'universalità, dal momento che nella nostra regione la libertà di scelta vale solo per chi ha conoscenze o maggiori possibilità economiche; non esiste una sanità di prossimità, ma ci si può curare solo all'interno delle strutture ospedaliere e, infine, non esiste una appropriatezza di cura e la possibilità di avere una relazione di cura tra medici e pazienti, ma esiste solo una relazione dominata da un criterio economicista" ha spiegato Pizzul, aggiungendo che "sarà dunque a partire da questi tre principi (universalità, prossimità e appropriatezza) che come gruppo Pd, a partire dal prossimo 10 novembre, contrasteremo l'ultima non-riforma costruita dalla Moratti che nessuna stortura ha cambiato e lo faremo presentando una nostra visione di sanità per poter arrivare alle elezioni del 2023 con un progetto alternativo che ci permetta di portare nel consiglio regionale non gli interessi di qualcuno, ma i beni comuni e i diritti fondamentali dei cittadini. E per riuscirci è necessario il contributo di tutti".

"Oggi, qui in piazza, ci sono tantissime sigle e tantissime realtà che, pur con opinioni diverse, hanno tutte un obiettivo comune: il bene dei cittadini lombardi e il diritto alla salute" ha concluso Pizzul, sottolineando che "in Lombardia esiste un privato che ha sempre fatto e continua a fare affari sulle spalle dei cittadini, ma ce ne è anche uno no profit, il terzo settore, di cui abbiamo estremo bisogno per poter garantire la prossimità di cura a tutti i cittadini. Se cammineremo insieme, da qui al 2023, potremo fare davvero il bene dei cittadini lombardi".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli