Placido: ''Morte Libero De Rienzo è dolore immenso per me e per Viola, suo padre è mio grande amico''

·1 minuto per la lettura

''La morte di Libero è un dolore immenso, un fulmine a ciel sereno, sia per me che per mia figlia Viola (Violante Pacido, ndr) che ha la sua stessa età. Sono molto amico di Fiore, suo padre, quando nacque mia figlia mi chiamò per farmi gli auguri. Era un vero talento per il cinema, la sua morte lascia dentro di me un vuoto immenso". Così Michele Placido all'Adnkronos ricorda con commozione l'attore e regista Libero De Rienzo, morto ad appena 44 anni, con cui aveva un rapporto non solo professionale ma anche affettivo e familiare. '' Lo vedevo spesso arrivare con suo padre, l’ho visto crescere e debuttare giovanissimo - racconta - era molto timido. Era un grande attore e sceneggiatore e sarebbe stato anche un ottimo regista. Assieme abbiamo fatto una decina di film tra cui: 'Il sequestro Soffiantini' per la regia di Riccardo Milani la miniserie su Aldo Moro e 'Il Venditore di Donne' di Fabio Resinaro. Viola è sconvolta, erano amici e si vedevano spesso. Non è giusto, era ancora un bambino'', conclude Placido.

(di Alisa Toaff)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli