Platini e Blatter sul banco degli imputati a Bellinzona

featured 1617343
featured 1617343

Bellinzona, 8 giu. (askanews) – Si apre a Bellinzona il processo che mette sotto accusa i vertici del mondo del calcio del recente passato. Sepp Blatter, 86 anni, e Michel Platini 66 anni, una volta rispettivamente a capo del calcio mondiale ed europeo, si trovano sul banco degli imputati per rispondere di fronte al Tribunale Federale Penale (Tpf) della accusa di frode.

Il caso ruota attorno a 2 milioni di franchi versati a Platini nel 2011 per conto della FIFA, e dunque dall’allora presidente Blatter, in aggiunta allo stipendio annuo di 300’000 franchi.

Per l’accusa, su richiesta della FIFA, una truffa, un compenso infondato pregiudicando il patrimonio della Federazione e arricchendo illecitamente l’ex giocatore della Juventus. Una vicenda che ha segnato la fine delle loro carriere nelle istituzioni del calcio internazionale. Ovviamente entrambi respingono le accuse. “Il calcio è dentro di me perchè sono al servizio della Fifa da 45 anni, il calcio internazionale è la mia vita, è la mia professione e ora devo difendermi un po’, ma mi difenderò bene con il mio avvocato e soprattutto ho la coscienza pulita” ha detto Blatter visibilmente affaticato.

Il processo si dovrebbe chiudere dopo varie udienze il 22 giugno.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli