Pmi: Galassi (Api), 'ripresa si vede ma troppe zavorre, non si vede strategia Pnrr'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 30 dic. (Adnkronos) – "La ripresa si vede, gli ordini ci sono, ma sono tanti i problemi e troppe le zavorre che ci impediscono di far volare le pmi: gli esorbitanti aumenti dei costi dell’energia, il rincaro delle materie prime – spesso l’impossibilità di trovarle -, i costi dei trasporti a cui si legano i blocchi, i ritardi nelle consegne degli ultimi mesi e lo spread che sta tornando a crescere". Lo sostiene Paolo Galassi, presidente Api l'associazione delle piccole e medie industrie di Milano, Monza, Pavia, Lodi e Bergamo.

"Molte pmi sono già state costrette ad alzare i prezzi (circa il 22% delle associate), altre hanno rinunciato agli ordini (9%), altre invece hanno, addirittura, sospeso le produzioni (5%, con le conseguenze che immaginate) per evitare perdite sui bilanci, rischiando così di bloccare intere filiere produttive come, per esempio, l’automotive. In questo modo la nostra competitività internazionale verrà ulteriormente compromessa, non dobbiamo permetterlo. Ci sono fondi e un piano? Si, legati al Pnrr ma non si vede la strategia", conclude Galassi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli