Pmi verso Mercato Libero energia, cosa succede? Risponde Selectra

·2 minuto per la lettura
Pmi verso Mercato Libero energia, cosa succede? Risponde Selectra
Pmi verso Mercato Libero energia, cosa succede? Risponde Selectra

Milano, 17 dic. (askanews) – Il primo gennaio 2021 termina il Servizio di Maggior Tutela, e quindi diventa obbligatorio il passaggio al Mercato Libero dell’energia elettrica per le piccole e medie imprese. Come avverrà questo passaggio e cosa succederà a chi non ha ancora scelto il proprio fornitore sul Libero?

A fare un po’ di chiarezza Niccolò Carlieri e Antoine Arel, co-fondatori di Selectra Italia.

In primo luogo, chi deve passare al Mercato Libero?

Niccolò Carlieri: “Dal 1 gennaio il Servizio di Maggior Tutela, ovvero la tariffa elettrica regolata dall’Autorità di settore, cesserà di esistere per piccole e medie imprese connesse in bassa tensione e con uno dei seguenti requisiti: da 10 a 50 dipendenti, un fatturato annuo tra 2 e 10 milioni di euro, oppure le aziende più piccole ma con potenza del contatore superiore a 15kW”.

Per le Pmi che si riforniscono sul Mercato Tutelato e che non avranno scelto il proprio fornitore sul Mercato Libero entro il primo gennaio, è previsto un passaggio automatico al Servizio a Tutele Graduali: una modalità che permette alle aziende di avere più tempo per scegliere il proprio fornitore. Ma ci sono anche altre cose da sapere, come spiega Arel:

“Nel frattempo il Senato ha dato il via libera al taglio di oneri di sistema e di distribuzione per le piccole e medie imprese appartenenti al settore della ristorazione. Complessivamente queste voci pesano circa il 40% del totale complessivo della bolletta. E quindi un taglio di questi oneri potrebbe portare a risparmi significativi, sia per i clienti che si riforniscono sul mercato libero, sia per quelli rimasti con il servizio a tutele graduali”.

E per proteggersi dalle oscillazioni dei prezzi dell’energia – spiegano i due fondatori di Selectra – chi passa al Mercato Libero può scegliere un’offerta a prezzo fisso, per 12 o addirittura 24 mesi. Il passaggio al Mercato Libero non comporta interruzione della fornitura e non ha costi aggiuntivi per il cliente.