Pnrr, Carfagna: adesione record a bando beni confiscati

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 26 apr. (askanews) - "Lo sforzo per valorizzare i beni confiscati alla mafia finalmente ha fatto un salto di qualità e quantità. In un anno abbiamo attivato un numero di proposte quasi equivalente a quelle gestite negli ultimi quindici anni. Il bando per accedere alle risorse messe a disposizione dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, dal valore di 250 milioni di euro, si è chiuso con una partecipazione superiore a ogni previsione: 528 richieste, a cui vanno aggiunte 77 domande rivolte alla partecipazione alla procedura negoziata che assegnerà ulteriori 50 milioni di euro. Non ci sarà difficoltà a raggiungere il target concordato con la Commissione europea, pari a 200 beni valorizzati entro giugno 2026". Così il ministro per il Sud e la Coesione territoriale Mara Carfagna commenta i risultati del bando per la valorizzazione dei beni confiscati alla mafia.

"Restituire alle città un numero così significativo di imprese, attività agricole e commerciali, edifici magari trasformati in asili nido o case-rifugio secondo una delle premialità riconosciute dal bando, non significa solo metterle a valore. Significa dire alle mafie: lo Stato è tornato, i beni che avete sottratto alla comunità degli italiani vengono restituiti a chi sa e può gestirli nella legalità", conclude il ministro.

Per dettagli sul bando e sui progetti presentati dalle regioni consultare il seguente link https://www.ministroperilsud.gov.it/it/comunicazione/notizie/chiusura-bando-beni-confiscati-pnrr/

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli