Pnrr, Commissione ha ricevuto domanda Italia per 21 miliardi

·1 minuto per la lettura

La Commissione ha ricevuto giovedì 30 dicembre la prima domanda di erogazione presentata dall'Italia nell'ambito del dispositivo per la ripresa e la resilienza (RRF) per un valore di 21 miliardi di euro di sostegno finanziario (al netto dei prefinanziamenti). Lo ha confermato il portavoce dell'esecutivo Eric Mamer a Bruxelles, spiegando come "ora ovviamente dobbiamo valutare il rispetto dei target per questo pagamento e lo faremo il prima possibile".

In una nota la Commissione ricorda come il piano generale per la ripresa e la resilienza dell'Italia sarà finanziato con 68,9 miliardi di euro sotto forma di sovvenzioni e con 122,6 miliardi di euro sotto forma di prestiti. I versamenti per l'Italia nell'ambito del dispositivo per la ripresa e la resilienza sono basati sui risultati e subordinati alla realizzazione degli investimenti e delle riforme previste nel piano per la ripresa e la resilienza dell'Italia. La prima richiesta di erogazione presentata dall'Italia - sottolinea Bruxelles - riguarda 51 tappe fondamentali relative a diverse riforme nei settori della giustizia, della pubblica amministrazione, dell'audit e del controllo, dell'istruzione, delle politiche attive del mercato del lavoro, del digitale e del turismo, nonché della semplificazione della legislazione in settori quali i rifiuti, le acque e il trasporto ferroviario.

La Commissione dispone ora di due mesi per valutare la domanda, trascorsi i quali trasmetterà al Comitato economico e finanziario (CEF) del Consiglio la propria valutazione preliminare del conseguimento da parte dell'Italia dei target intermedi e finali necessari per tale erogazione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli