Pnrr e Terza Età, Fondaz. Sordi: serve sistema cura vicino a anziani

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 30 apr. (askanews) - "Il PNRR offre una cruciale prospettiva di innovazione per ripensare un sistema delle cure, che deve essere sempre più calato nei territori e prossimo agli anziani, sostenendo le famiglie e promuovendo tutti gli attori dove ognuno ha compiti e responsabilità diverse. In quest'ottica la costruzione di reti di servizi territoriali che connettano in modo integrato il sanitario e il sociale, l'istituzionale e il terzo settore, le cerchie familiari e il volontariato informale sarà il punto di snodo dell'innovazione: l'obiettivo a cui tendere per non mancare un'occasione irripetibile per l'Italia e l'Europa". Così l'avv. Ciro Intino, direttore della Fondazione Alberto Sordi, ha aperto il convegno "La cura dell'anziano alla prova della pandemia. Una rete di reti: Alleanza per le persone anziane", organizzato dalla Fondazione Alberto Sordi e patrocinato dall'assessorato alle Politiche sociali e alla Salute di Roma Capitale e dall'Associazione Italiana Fondazioni ed Enti Filantropici (Assifero).

All'evento hanno partecipato numerose realtà attive nel terzo settore e, in particolare, nel mondo della terza età, le cui posizioni hanno trovato continuità nelle dichiarazioni di Antonio Mazzarotto della Direzione Inclusione sociale Regione Lazio, che ha affermato: "E' fondamentale - dopo la drammatica esperienza della pandemia - l'attivazione di un confronto continuo tra istituzioni governative e realtà territoriali per discutere come rendere il più possibile efficiente il sistema dei servizi agli anziani. Le parole chiave devono essere, sempre più, prossimità e comunità. La vicinanza tra famiglie e istituzioni sempre più centrale".

Nel corso della prima parte del convegno, che si è svolto a Roma presso l'Hub LVenture, è stato presentato lo studio "La cura dell'anziano fragile alla prova della pandemia", condotto dal prof. Riccardo Prandini (Ordinario in Sociologia dei processi culturali e comunicativi) e dalla dottoressa Elena Macchioni, entrambi dell'Università Alma Mater Università di Bologna (Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali). Un documento significativo, dal quale emerge la necessità da parte delle diverse organizzazioni di "reticolarsi per continuare la riflessione avviata e trovare modalità efficaci per avviare un dia­logo - necessario per un vero cambiamento - con le istituzioni territoriali e nazionali". Alla buona riuscita del convegno hanno concorso numerosi attori istituzionali, accademici e del terzo settore attivi in Italia: Fondazione Pia Ciccarelli Onlus, Fondazione Opera Immacolata Concezione Onlus, ASL Roma 2, Associazione Terzjus, Commissione per la riforma dell'assistenza sanitaria e sociosanitaria della popolazione anziana, Fondazione A.E. Cerino Zegna Impresa Sociale, Casa Emmaus Trieste, Università Campus Bio-Medico di Roma, IRCCS Fondazione Don Gnocchi Onlus, Associazione Alberto Sordi, Associazione Nazionale Strutture Territoriali (ANASTE), Associazione RINATA, Assifero, Fondazione Sanità e Ricerca, Fondazione Banco Alimentare Onlus, Fondazione Antea, Forum Europeo delle Associazioni Familiari, Comunità Sant'Egidio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli