Pnrr: Ricci (Pd), 'più fondi strutturali in dl Aiuti e riduzione bonus 110%'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 11 mag. (Adnkronos) – "Per mettere a terra i progetti del Pnrr serve un fondo strutturale molto più grande rispetto all'ultimo Decreto Aiuti e occorre abbassare il superbonus 110”.Così il presidente di Ali e coordinatore dei sindaci del Pd Matteo Ricci al convegno a Roma 'Allarme Pnrr e investimenti pubblici'

“Inflazione e caro prezzi rischiano di non far partire i cantieri per la realizzazione del Pnrr. Ci sono stati passi avanti nel dialogo con il governo, ma oggi evidenziamo un problema enorme, quello con gli investimenti. I comuni che hanno preso delle risorse hanno cominciato a fare le prime gare e le gare vanno deserte, perché non ci sono le imprese che eseguono i lavori pubblici". Il motivo secondo Ricci: “è l’aumento del costo delle materie prime, che fa scappare le imprese perché non vedono margini ma rischi. Il 110 rafforza l'inflazione e diventa l'incentivo per spostare le imprese verso l'ecobonus e non sugli investimenti pubblici. Serve un fondo strutturale molto più grande di quello del Dl Aiuti per finire i lavori pubblici. Se oggi il 110 diventasse 90 avrebbe lo stesso effetto sull'impresa privata e avremmo imprese per gli investimenti pubblici".

Sono intervenuti all'incontro di Ali: Maria Stella Gelmini, ministro per gli Affari regionali, Antonio Misiani, commissione Bilancio del Senato, Gabriele Buia, presidente ANCE, Claudio Mancini, commissione Bilancio della Camera, Andrea Cuccello, segretario confederale Cisl; Enzo Ponzio, presidente nazionale Cna costruzioni, Tommaso Dal Bosco, direttore Federbim, e il Sindaco di Bologna Matteo Lepore intervenuto in collegamento.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli