Pnrr, "rischio penali per bandi se non si raggiungono obiettivi"

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – "Le prospettive occupazionali che il Pnrr disegnerà sino al 2026 sono molto positive per giovani e donne. L’analisi effettuata da Openpolis evidenzia, in particolare, che la missione 1 (digitalizzazione, innovazione, competitività, cultura e turismo) e la 2 (rivoluzione verde e transizione ecologica) avranno un impatto positivo: per le donne si calcola un incremento di 2,2 punti percentuali, per i giovani 2 (ma si sfioreranno i cinque punti nel Mezzogiorno). Questi dati non sono però esenti da criticità: i soggetti pubblici stanno rispondendo al Pnrr mettendo in campo una forza ed una competenza che, purtroppo, non bastano. Rispondere ad un bando che prospetta delle penali laddove non si raggiungano gli obbiettivi fissati, mette a rischio proprio le misure più ambiziose per l’occupazione di donne e giovani. Serve competenza e supporto allo sviluppo per non perdere ulteriore tempo". E’ quanto dichiara Stefano Di Palma (direttore di Ecoter), commentando i dati Openpolis.

E secondo Davide D'Arcangelo, vice presidente Impatta: "Serve maggiore attenzione dei decisori pubblici ed una forte accelerazione del Pnrr, senza dimenticare però che senza la collaborazione tra pubblico e privato molti degli obiettivi del piano nazionale di ripresa e resilienza rischiano di non essere raggiunti. Servono, infatti, figure esperte in grado di supportare gli enti in questa fase cruciale: il public innovation manager diventa, perciò, imprescindibile nell’aiutare a cogliere le opportunità del Pnrr", conclude.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli