Pnrr: Ruocco, 'urgenza di mettere a terra progetti richiede anche supporto Fondazioni'

·1 minuto per la lettura

"Oggi abbiamo ascoltato il Presidente Profumo, l’audizione ha confermato la necessità di comprendere le cause e le eventuali omissioni che hanno allontanato alcune Fondazioni dal perseguimento degli scopi di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico. L’accesso alle risorse del Pnrr, la necessità di rafforzare le competenze degli Enti locali e l’urgenza di mettere a terra progetti a valore aggiunto positivo richiedono il necessario coinvolgimento e supporto delle Fondazioni". Ad affermarlo in una nota è il presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sul sistema bancario e finanziario, Carla Ruocco dopo l'audizione di Francesco Profumo, il presidente di Acri-Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio spa. La sessione ha riguardato l’analisi dell’operatività delle fondazioni bancarie, con particolare attenzione alla gestione del patrimonio delle stesse nonché agli assetti organizzativi e gestionali come peraltro previsti dal Protocollo d’intesa Acri-Mef del 22 aprile 2015.

"Occorre che le Fondazioni - sottolinea Ruocco - pongano sempre maggiore attenzione alle tipologie d’investimento, privilegiando quelle operazioni che rispettano criteri ambientali, sociali e di governance (Esg). Il periodico ricambio degli organi delle Fondazioni appare necessario per mantenere un elevato grado di responsabilità nei confronti del territorio ed evitare il rischio di depauperare il patrimonio delle Fondazioni nell’interesse di alcuni e di non gestirlo nel pieno interesse dell’intera comunità".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli