Polemica in Germania sull'impegno militare nel Sahel -2-

Ihr

Roma, 30 dic. (askanews) - Concretamente, il ministro della Difesa, Annegret Kramp-Karrenbauer, presidente del partito conservatore di Angela Merkel, ha chiesto durante il fine settimana un mandato rafforzato dell'esercito tedesco nella parte meridionale del Sahara. Ha preso l'esempio della Francia "che è coinvolta sul posto con un mandato molto più robusto" rispetto a quello dell'esercito tedesco, per il momento confinato principalmente in Mali alle missioni di addestramento e sorveglianza e sotto stretto controllo dei parlamentari tedeschi.

Allo stesso tempo, Angela Merkel e i conservatori devono fare i conti con il tradizionale pacifismo dell'opinione pubblica nazionale, fortemente radicato dalla Seconda guerra mondiale, e con quello del loro partner socialdemocratico nella coalizione. "Non accetteremo alcuna offensiva militare mal preparata e nessuna ridefinizione da parte del ministero della Difesa della politica estera tedesca", ha avvertito la nuova presidente del Partito socialdemocratico (Spd), che sostiene una svolta a sinistra del movimento, Saskia Esken, in un'intervista di ieri.(Segue)