Polemica sui social per la frase di Vespa ad Amici

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Durante la trasmissione Porta a Porta, in onda su Rai 1, il giornalista e conduttore televisivo Bruno Vespa ha interrotto improvvisamente l’intervento del suo ospite, il dottor Mariano Amici, che si è mostrato contrario alla somministrazione dei vaccini anti covid19.

L’intervento del dottor Amici

Dopo aver evidenziato i rischi legati alla vaccinazione, ad Amici è stata tolta la parola dal conduttore, il quale ha immediatamente chiuso il collegamento mostrando tutta la sua incredulità di fronte alle affermazioni del medico.

A differenza di quanto si suole fare, io nella mia carriera ho sempre informato prima il sogetto da vaccinare rispetto alla realtà della vaccinazione, quindi ho sempre messo sul piatto della bilancia i rischi e i benefici. Quando la bilancia pendeva più per i benefici che per i rischi, io effettuavo la vaccinazione più a cuor leggero. Io non ho mai sconsigliato o consigliato la vacinazione: quella è una decisione che deve prendere il vaccinando.

Questo l’intervento del medico, al quale ha replicato per primo il Professor Remuzzi, già direttore dell’istituto di Ricerche Farmacologiche M, Negri, asserendo:

Io credo che un medico può benissimo non vaccinarsi, ma deve decidere in quel momento di non poter fare il medico.

Immediata la risposta di Amici, secondo cui i medici debbano esprimersi in termini scientifici e non antiscientifici, sostenendo l’antiscientificità delle affermazioni del dott. Remuzzi.

Vespa censura Amici

Dopo queste affermazioni, Vespa ha mostrato il suo disaccordo:

Io le dico, con tutta franchezza, che se lei non si vaccina, io spero vivamente che lei venga radiato.

Frase che non è passata inosservata e anzi, ha scatenato una polemica sui social, dove molti utenti si sono mostrati perplessi e indignati per le espressioni del giornalista.

Leggi anche:

Covid, Corrao (Bicocca): “Picco di morti in Italia tra 6 e 7 aprile”

Covid, Italia: percentuale delle varianti nei casi di contagio