Polemiche per il concerto di Bruce Springsteen: potevano entrare solo i vaccinati. Ma Al Bano lo difende

·1 minuto per la lettura
REUTERS/Mario Anzuoni
REUTERS/Mario Anzuoni

Fan entusiasti e fan delusi. La decisione di Bruce Springsteen di permettere l'accesso al suo concerto al St. James Theater di Broadway solo a chi era vaccinato contro il Covid-19 ha scatenato le polemiche. Al suo arrivo, il mitico "The Boss" ha trovato ad attenderlo una vera e propria manifestazione di protesta.

LEGGI ANCHE: Springsteen e lo show solo per vaccinati, regole e come funziona in Italia

"È bello vedere tutti qui stasera smascherati, seduti uno accanto all'altro", ha detto Springsteen salendo sul palco, "sono 71 anni su questo pianeta e non ho mai visto niente di simile". Ma fuori dal teatro i fan protestavano.

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Bruce Springsteen torna a Broadway con nuovi show

LEGGI ANCHE: Springsteen a Broadway, ingresso vietato a chi è vaccinato con AstraZeneca

Se il concerto si fosse tenuto in Italia, nel teatro sarebbe potuto entrare il 50% del pubblico normale, con un massimo di mille spettatori salvo deroghe regionali all'aperto e 500 nei luoghi chiusi. Sono le misure previste dalla legge per garantire i distanziamenti. Springsteen non ha voluto essere da meno: ha deciso di proteggere i suoi fan. E in Italia c'è chi gli dà ragione.

LEGGI ANCHE: Bruce Springsteen torna a Broadway con nuovi show

"La sua è stata la strada giusta, cioè quella della precauzione", commenta Al Bano Carrisi, "una decisione intelligente che farei anche io, perché non si può giocare con la salute degli altri e neanche con la propria".

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Bruce Springsteen racconta la copertina di "Born to run" (e Clarence Clemons): video

LEGGI ANCHE: Bruce Springsteen è stato multato per aver bevuto 2 shot tequila in un parco pubblico

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli