Polemiche sullo scrittore vegano Jonathan Bazzi: tweet contro gli onnivori

Jonathan Bazzi
Jonathan Bazzi

Lo scrittore vegano Jonahtan Bazzi si scaglia contro gli onnivori e su Twitter inizia una polemica. Lo scontro ha avuto in alcuni casi toni pacati. Alcuni utenti hanno fatto anche similitudini politiche.

Un tweet contro gli onnivori dello scrittore vegano Jonathan Bazzi scatena una polemica

Il cinguettio di Jonahtan Bazzi è di natura altamente provocatoria dato che è indirizzato contro l’alimentazione degli onnivori. In un mondo in cui si dice che ognuno è libero di fare le proprie scelte si continua ad attaccare chi a volte non sposa un certo stile di vita. In questo caso non sono stati gli onnivori a criticare le scelte di un vegano, ma viceversa; anche se lo scrittore ha fatto più che altro un’osservazione di natura alimentare. Jonahtan Bazzi ha scritto: “Gli onnivori mangiano prevalentemente a caso e male. La base alimentare dovrebbe essere per tutti vegetale, invece l’italiano medio pranza e cena a base di salumi, però ti dice: no ma io carne pochissima, quasi mai”.

I commenti al tweet: la questione economica

Dopo queste parole i follower dello scrittore o coloro che hanno trovato questo tweet sulla propria home non hanno potuto fare a meno di commentare. Un utente in particolare ha fatto una similitudine politica sollevando anche una questione di natura economica: “Sembra un tweet del Pd con una puzza sotto il naso da paura. Non se ti rendi conto di che vita di m***a hanno le persone che spesso sbranano qualcosa per sopravvivere mentre qualcuno può permettersi il NaturaSì”. A queste parole Bazzi ha risposto: “Verdure e legumi costano molto meno dei salumi“.

Si dibatte sull’alimentazione

Una altro utente invece ha osservato: “A onor del vero c’è anche un esercito di onnivori che cerca di stare attento, con qualche strappo alla regola di tanto in tanto”. In questo caso Bazzi ha risposto: “È esattamente a quel “cercare di stare attenti” che mi riferivo. I vegani vengono presi di mira, quando la cultura alimentare in chi segue una dieta vegetale in realtà oggi è in media molto più alta. Sia in termini nutrizionali che di conoscenza/ricerca e varietà”.