Politico ricoperto di fango da folla no vax: aggressione in Francia

·1 minuto per la lettura
Politico ricoperto di fango da folla no vax: aggressione in Francia
Politico ricoperto di fango da folla no vax: aggressione in Francia

Francia, politico ricoperto di fango da una folla no vax e no pass vaccinale. Stephane Claireaux, membro del partito La Republique En Marche capitanato dal Presidente francesce Macron, è stato aggredito davanti alla propria casa.

Francia, politico ricoperto di fango dai no vax

Dopo le dure parole del Presidente Macron, che qualche giorno fa ha dichiarato di “schifare” in non vaccinati, le prime ripercussioni da parte dei movimenti no vax francesi non tardano a verificarsi. La prima vittima è stato il politico Stephane Claireaux, aggredito dal lancio di fango mentre stava lasciando la sua abitazione anche se qualcuno teme possa essere stato persino sterco.

Politico aggredito col fango in Francia: un video virale

Nel video, diventato in poche ore virale sui social, lo si può vedere indossare una mascherina mentre cerca invano di coprirsi dalla fanghiglia mentre una folla di persone urlanti lo circonda. Claireaux aveva precedentemente affermato di aver ricevuto minacce di morte per aver sostenuto le restrizioni sociali nei confronti dei non vaccinati.

Ricoperto di fango dai no vax, il politico: “Tutto questo deve finire”

Il politico è anche membro del Parlamento per Saint-Pierre e Miquelon, territori francesi oltre mare nel Nord Ovest dell’Oceano Atlantico, vicino alle provincie canadesi di Newfoundland e Labrador. “Ovviamente provvederò per vie legali. Alcune persone pensano che il Governo abbia preso decisioni sbagliate e noi politici ne stiamo pagando le conseguenze. Tutto questo deve finire”, ha dichiarato Claireaux a Frane Info.

Stephane Claireaux aggredito dai no vax
Stephane Claireaux aggredito dai no vax
Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli