Polizia: 8 tifosi atalantini contusi e 9 croati daspati a Milano

Alp

Milano, 26 nov. (askanews) - Sono otto i tifosi atalantini rimasti contusi o leggermente feriti nel corso di diversi tafferugli scoppiati con alcune decine di ultras della Dinamo Zagabria nei pressi dello stadio Meazza di Milano, prima dell'inizio del match di Champions League. Lo ha riferito la questura del capoluogo lombardo, spiegando che quattro tifosi croati hanno invece riportato lievi ferite tentando di scavalcare le delimitazioni del parcheggio ospiti, e sono stati medicati nell'infermeria dello stadio.

La polizia ha poi spiegato che tre supporter croati sono stati sottoposti a Daspo questa mattina perché trovati in possesso "di oggetti atti ad offendere e fumogeni durante il controllo al casello autostradale", e altri sei sono stati denunciati allo stadio e "daspati" perché trovati con dei fumogeni nel corso della fase di "filtraggio" al Meazza. Infine, circa 150 tifosi croati privi di biglietto sono stati tenuti all'esterno dello stadio, impedendogli l'accesso.

Gli scontri sono avvenuti in particolare nei pressi dei cancelli 4 e 7. I tifosi della Dea rimasti contusi hanno tra i 30 e i 40 anni e sono stati medicati sul posto, mentre uno si è presentato all'ospedale San Carlo. Tra i feriti lievi ci sono anche un 21enne (trasportato in ospedale in codice verde) e un 50enne con il figlio 15enne, aggrediti da un gruppetto di ultras croati in via Don Gnocchi mentre si recavano in auto allo stadio.