Polizia e procura scavano nella vita di un giovane universitario “incastrato” dalle telecamere

Uno dei roghi in territorio di Bolzano
Uno dei roghi in territorio di Bolzano

Il piromane di Bolzano potrebbe essere uno studente 21enne, la linea accusatoria è chiara e contro di lui si sta procedendo, con polizia e procura che scavano nella vita di un giovane universitario “incastrato” dalle telecamere. Fino a poco tempo fa era solo un “fantasma” in mountain bike ma adesso la sua identità è stata svelata. E gli inquirenti vogliono verificare se il ragazzo abbia avuto condotte problematiche in passato.

Il piromane di Bolzano uno studente 21enne?

Di certo non è un criminale: studi al liceo Carducci di Bolzano ed Università a Trento. Eppure per la magistratura quel 21enne potrebbe aver avuto un ruolo nelle decine di roghi estivi in zona. A luglio Guncina, percorsi di Sant’Osvaldo, pendici del Colle, Appiano, Frangarto e bosco di Monticolo avevano fatto fare gli straordinari ai vigili del fuoco.

Le indagini, l’identikit, i particolari

Le indagini erano partite puntando sulla serialità e polizia e carabinieri hanno stretto il cerchio. Prima con un identikit, poi  visionando decine di ore di filmati, alla fine il bingo: nei pressi di ogni rogo c’era sempre un ragazzo in bici con maglietta nera e scritta rossa, sandali modello Birkenstock, orologio sportivo allacciato al polso sinistro. E alla fine un ispettore del 115 aveva riconosciuto quella figura mentre scendeva dalle passeggiate del Guncina, gli aveva intimato di fermarsi ma il giovane è fuggito per essere bloccato poco dopo, con un accedigas addosso.