Polizia stradale: nel 2019 incidenti in lieve diminuzione

Cro/Ska

Roma, 30 dic. (askanews) - Il 2019 ha fatto registrare un andamento sostanzialmente stabile dell'incidentalità stradale rilevata da Polizia Stradale ed Arma dei carabinieri. Infatti, il numero complessivo degli incidenti (70.801) è in lieve diminuzione rispetto allo stesso periodo del 2018 (-1,3%), mentre i sinistri con esito mortale (1.430) sono pressoché invariati (8 meno dello scorso anno, -0,6%). Si riduce più sensibilmente - del 2,9% - il numero delle vittime (1.566, meno 46), e questo anche perché nel dato del 2018 sono ricomprese le 43 vittime del crollo del viadotto sul Polcevera.

Viabilità autostradale ed ordinaria, tuttavia, hanno espresso andamenti opposti, sia pure con valori modesti: infatti, mentre sulla viabilità ordinaria si sono verificati 15 incidenti mortali e 15 vittime in meno rispetto al 2018 (-1%), in autostrada i sinistri mortali sono stati 7 in più (+3,1%), mentre per le vittime - 31 in meno - vale quanto già detto relativamente all'evento di Genova.

Il risultato dell'incidentalità del dato di Polizia Stradale ed Arma dei carabinieri posta a confronto con la stima preliminare ISTAT del I semestre 2019, mostra un andamento della sinistrosità coincidente nella tendenza, anche se ovviamente diverso nei valori numerici. Infatti, ad una diminuzione - rilevata da ISTAT - degli incidenti stradali con lesioni alle persone e dei feriti, rispettivamente, dell'1,3% e del 2,9%, corrisponde una riduzione, riferita al I semestre, rilevata da Polizia Stradale ed Arma dei carabinieri del 1,8% e del 3,6%. Per le vittime, invece, ISTAT stima un aumento del 1,3% (da 1.485 a 1.505, più 20 morti), mentre Polizia Stradale ed Arma dei carabinieri un aumento del 6,7% (da 731 a 780, più 49).

Qualora la convergenza tendenziale venisse confermata - come di consueto si verifica - anche ISTAT potrebbe veder riallineata la sua stima, a fine anno, verso una riduzione - lieve - della mortalità sulle strade.(Segue)