I poliziotti hanno tentato di disperdere i manifestanti, poiché il sit in non era autorizzato, ma questi ultimi hanno reagito

·1 minuto per la lettura
No mask in piazza tra forfait e scontri
No mask in piazza tra forfait e scontri

Nel pomeriggio di domenica 15 novembre è andata in scena una manifestazione contro il Governo Conte e contro le restrizioni imposte da quest’ultimo per arginare il Covid. I manifestanti, no mask e negazionisti soprattutto, sono circa 100, circondati da varie camionette della polizia e da agenti in assetto antisommossa.

Covid, manifestazione contro Governo a Roma

I manifestanti non si sono limitati a insultare Conte e a protestare contro l’ultimo Dpcm del 3 novembre, a seguito del quale l’Italia è stata divisa in tre aree, gialla, arancione e rossa. Alcuni hanno inneggiato a Donald Trump, il presidente uscente degli Stati Uniti che ancora non ha concesso la vittoria elettorale allo sfidante, il democratico Joe Biden.

Gli agenti in tenuta antisommossa hanno tentato di disperdere i manifestanti. Il sit in infatti non era stato autorizzato. Questi ultimi però hanno reagito e c’è stato qualche momento di tensione. Una manciata di partecipanti è stata infine identificata.

“In piazza 200mila persone”

Gli organizzatori della manifestazione avevano premesso che sarebbero stati presenti tra le 200mila e le 250mila persone. Tuttavia in piazza si sono presentati solo un centinaio . Tra i manifestanti anche i lavoratori di quei settori costretti a chiudere. “La pandemia e le manovre del Governo stanno uccidendo l’economia e il tessuto sociale dell’Italia, dunque invito tutte le persone che vogliono protestare in modo del tutto pacifico di unirsi a questa manifestazione e far sentire la propria voce e il proprio scontento ai piani alti”, avevano spiegato gli ideatori della protesta.