Polonia, estensione concessione miniera Turow potrebbe impedire ottenimento fondi Ue

di Kate Abnett
·1 minuto per la lettura
La miniera di Turow a Bogatynia

di Kate Abnett

BRUXELLES (Reuters) - I piani della Polonia di estendere l'operatività della miniera di carbone di Turow al 2044 potrebbe impedire alla regione di ottenere il fondo per la transizione ecologica dell'Unione europea.

È quanto comunicato dalla Commissione Ue.

Il "Just Transition Fund" dell'Unione europea rappresenta una componente da 17,5 miliardi di euro del bilancio del blocco e del recovery fund, pensata per consentire alle diverse aree del continente di ridimensionare i settori che impiegano combustibili fossili e sostituirli con imprese e posti di lavoro "green".

Lo scopo è quello di proteggere le comunità più colpite dalle ristrutturazioni volte a raggiungere la neutralità climatica entro il 2050. Alla Polonia, che impiega più della metà della forza lavoro del blocco nell'industria del carbone, dovrebbe essere destinata la più ampia quota del fondo.

Tuttavia Bruxelles ha reso noto che la decisione del governo polacco di estendere la concessione della miniera di carbone di Turow -- vicino al confine con Repubblica Ceca e Germania -- fino al 2044 potrebbe costare alla regione l'accesso al fondo.

"Ciò mette sicuramente a rischio l'impiego del Just Transition Fund a sostegno della regione dove, come si può vedere, la transizione non è programmata da qui fino al 2030", ha detto Vivian Loonela, portavoce della Commissione, in merito alla decisione della Polonia annunciata la scorsa settimana.

Il governo polacco non è stato immediatamente disponibile per un commento.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)