Polonia, i gatti classificati come alieni: ecco perché hanno ragione

gatti
gatti

Sembrerà strano, ma considerare il vostro piccolo gatto domestico come parte di una “specie aliena invasiva“, non può essere visto come un errore. A dichiararlo è l’Accademia per le Scienze della Polonia che ha diramato una nota già presa in assalto dai proprietari di gatti di tutto il mondo.

Polonia, i gatti classificati come alieni: ecco perché gli scienziati hanno ragione

Perché i gatti domestici possono essere considerati una “specie aliena invasiva”? Il motivo è assai semplice. Il gatto domestico, spiegano gli scienziati, non esiste in natura. Si tratta di una vera  e propra invenzione dell’uomo che, a partire dal gatto selvatico, ha inserito l’animale in praticamente tutti gli habitat. Le ripercussioni per questi piccoli animali sono enormi, ma anche le conseguenze per l’ambiente in cui sono inseriti: i gatti sono, infatti, stati immessi nell’elenco di quegli animali che arrecano danni significativi alla fauna e agli equilibri degli ecosistemi autoctoni.

Le proteste dei padroni e il rischio di abbandono

Una teoria in realtà molto semplice e che ha davvero senso se spiegata correttamente, che però non è piaciuta a moltissimi padroni di gatti, intervenuti in massa a commentare la nota dell’Accademia polacca. Il rischio, secondo queste persone, è che molti individui, non capendo bene i motivi della nuova classificazione dei felini, possano decidere di abbandonarli.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli