Polonia, la miniera di sale con laghi sotterranei cappelle e sculture

@shutterstock

Non lontano da Cracovia in Polonia, si trova una miniera di sale spettacolare. Dal 1978 è stata inserita nell'elenco del Patrimonio dell'Umanità Unesco. È la miniera di sale Wieliczka, rimasta in attività fino al 1998.

La sua storia inizia nel XIII secolo, quando veniva usata prevalentemente per la salamoia che sgorgava in superficie. Con il tempo sono stati scavati cunicoli, gallerie, grotte, pozzi. Un'opera che si estende per 287 km, con 9 livelli che portano ad una profondità totale di 372 metri.

La particolarità di questa luogo straordinario, sono la presenza di duemila camere, laghi sotterranei, cappelle con statue e candelabri realizzati in sale e scolpiti dai minatori. A queste opere negli anni si sono aggiunti lavori fatti da artisti contemporanei.

Anche durante gli anni della sua attività, la miniera di sale Wieliczka ha sempre richiamato l'attenzione di molti visitatori tra cui nomi illustri come quello di Copernico, Goethe e Chopin.

Oggi più di un milione di turisti ogni anno visitano, la struttura anche se è accessibile solo il 2% del totale. Il tour comprende la sala del legno al primo livello, a 64 metri di profondità: uno spazio che apparentemente sembra fatto in legno ma in realtà è sale finemente scolpito dai minatori. E poi via per circa tre chilometri tra i corridoi e le cappelle fino ad arrivare ad uno dei punti più spettacolari: il lago sotterraneo a 135 metri di profondità.

A gestire questo luogo magico sono un centinaio di minatori, che si prendono cura della struttura e intervengono in caso di perdite d'acqua.

Se volete vivere un'esperienza surreale la miniera di sale di Wieliczka è quello che fa per voi; per info e biglietti potete consultare il sito ufficiale a questo link.

Crediti foto@Shutterstock

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli