Polonia, parlamento approva legge su nuovo presidente Corte suprema

Sim

Varsavia, 20 lug. (askanews) - Il parlamento polacco ha approvato oggi una legge per accelerare l'elezione di un nuovo presidente della Corte suprema al posto di Malgorzata Gersdorf, che si è rifiutata di lasciare l'incarico come previsto dalle nuove norme sul pensionamento dei magistrati duramente contestate dall'opposizione e dall'Unione europea. La legge è stata approvata con 230 voti a favore, 24 contrari e quattro astenuti, mentre davanti al parlamento era in corso una protesta.

Secondo la nuova legge, l'elezione del nuovo presidente della Corte può avvenire una volta nominati i due terzi dei suoi giudici su un totale di 120, contro gli attuali 110. La legge deve ora essere approvata dal Senato, prima di essere firmata dal presidente Andrzej Duda.

"Abbiamo bisogno di questa legge per sbloccare la situazione", ha detto oggi il premier Mateusz Morawiecki, ricordando che secondo il suo governo "la signora Gersdorf non è più il primo presidente della Corte suprema" nel rispetto della legge approvata di recente che ha portato da 70 a 65 l'età della pensione. Gersdorf si è rifiutata di lasciare l'incarico, sostenendo di voler completare il proprio mandato di sei anni, fino al 2020, come previsto dalla Costituzione. (fonte Afp)