Pompei, "ecco il genoma di una vittima dell'eruzione"

Per la prima volta è stata svelata la mappa del Dna di un abitante di Pompei, una delle vittime dell'eruzione del Vesuvio del 79 d.C. Finora erano stati analizzati solo frammenti del Dna mitocondriale, ossia del Dna non contenuto nel nucleo delle cellule, prelevate sia da esseri umani sia da animali di Pompei. Ora l' importante risultato che apre la possibilità a ulteriori piste di ricerca.

Pompei,
Pompei, "ecco il genoma di una vittima dell'eruzione" (Getty Images)

Il codice genetico apparteneva a un uomo fra i 35 e i 40 anni ed aveva molti elementi simili a quelli degli abitanti dell'Italia centrale e di altri individui vissuti in Italia ai tempi dell'Impero Romano. La scoperta è il risultato di un lavoro di team: la ricerca pubblicata sulla rivista Scientific Reports è stata coordinata da Gabriele Scorrano dell'Università danese di Copenaghen e dell'Università di Roma Tor Vergata e condotta in collaborazione con Serena Viva, dell'Università del Salento a Lecce, con l'università della California a Irvine, e la brasiliana federale di Minas Gerais a Belo Horizonte.

VIDEO LA RINASCITA DI POMPEI GRAZIE AI FONDI EUROPEI

Grazie alla disponibilità del Parco Archeologico di Pompei, i ricercatori hanno potuto analizzare i resti scheletrici di due individui rinvenuti nella Casa del Fabbro: le loro caratteristiche indicano che uno dei due era un uomo fra 35 e 40 anni, mentre l'altro era una donna di oltre 50 anni. "Il loro stato di conservazione era ottimo, non devono essere venuti a contatto con temperature troppo elevate", ha detto Scorrano all'ANSA. Tanto che nello scheletro dell'uomo si osservano i segni di una malattia simile alla tubercolosi. "Il Dna era invece molto degradato, ma diamo riusciti comunque a estrarlo", ha aggiunto il ricercatore. Quello dell'uomo contiene tutti gli elementi essenziali per poter fare confronti con altri Dna di individui dell'epoca, mentre non è stato possibile ricostruire il Dna della donna.

LEGGI ANCHE Nuova eccezionale scoperta a Pompei: nella stanza degli schiavi

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli