Pompei: l’eruzione che ha fermato la città nel tempo

pompei eruzione

La maggior parte dei resoconti scritti sull’antica Roma si concentrano su politica, questioni militari e vite di persone ricche e potenti. Oltre a tutto questo c’è Pompei, la città congelata nel tempo, dove si può vedere e conoscere la vita delle persone di classe inferiore e degli schiavi di 2000 anni fa.

Per molto tempo si è creduto che Pompei fosse persa per sempre in una delle peggiori e più note eruzioni vulcaniche del Vesuvio nel 79 d.C. La città romana fu sepolta sotto 13-20 piedi di cenere vulcanica e pomice. Fu accidentalmente riscoperta nel 18 ° secolo. Con sorpresa di tutti, Pompei rimase perfettamente preservata con tutte le sue case, opere d’arte, negozi e fossili inquietanti dei suoi abitanti.

L’eruzione del Vesuvio del 24 agosto 79 d.C. è considerata una delle peggiori e più mortali eruzioni vulcaniche registrate fino ad oggi. Il vulcano rimase inattivo per molti anni prima di quel giorno quando scoppiò un cataclisma con una forza paragonabile a quella delle bombe atomiche sganciate su Hiroshima e Nagasaki durante la Seconda Guerra Mondiale.

eruzione pompei

Pompei, l’eruzione del Vesuvio

L’intera città di Pompei fu spazzata via, così come le città vicine di Stabia, Ercolano e Oplonti. Migliaia di persone rimasero uccise dal calore, dai gas velenosi, dalla cenere e dalla pomice bollenti che piovvero dal cielo. Secondo resoconti scritti, quel giorno non accadde nulla di insolito, solo gli animali si comportavano in modo strano. E quando il vulcano esplose, le persone sul percorso dell’eruzione non ebbero scampo.

La maggior parte delle informazioni che abbiamo oggi sulla massiccia eruzione del Vesuvio proviene da un resoconto scritto da Plinio il Giovane, che osservò la tragedia dall’altra parte del Golfo di Napoli nel porto militare romano di Miseno. Descrisse vividamente la catastrofe naturale e inviò i suoi scritti come lettere indirizzate al suo amico, il politico e storico romano Cornelio Tacito. Le sue lettere furono scoperte nel XVI secolo.

Nel suo rapporto dettagliato, Plinio racconta come l’eruzione colse tutti di sorpresa. Fu sua madre la prima a notare “una nuvola di dimensioni e aspetto insoliti”. Descrivendo la nuvola, aggiunse: “La nuvola si stava alzando da una montagna a una distanza tale da non poter dire quale. Solo in seguito si apprese fu il Vesuvio. Posso descrivere al meglio la sua forma paragonandola a un pino. Si alzò nel cielo su un lunghissimo “tronco” da cui si estendevano alcuni “rami”. Immagino che fosse stato sollevato da un improvviso scoppio, che poi si indebolì, lasciando la nuvola non supportata in modo che il suo stesso peso ne causasse la diffusione laterale. Alcune nuvole erano bianche, in altre parti c’erano macchie scure di terra e cenere”.

eruzione pompei

Scoperta per caso nel 1748

Nel 1748, il sito di Pompei fu riscoperto per caso, durante la costruzione di un palazzo per Carlo di Borbone. Con grande sorpresa di tutti, Pompei si rivelò intatta, con i suoi edifici, manufatti e scheletri delle vittime congelati nel tempo. La scoperta fu di grande importanza in quanto insegnò molto sulla vita di tutti i giorni nel mondo antico. I corpi, le case, i gioielli, l’arte e i rotoli furono conservati per secoli grazie alla cenere e ai detriti fusi prodotti in quantità considerevole dalla devastante eruzione.

Oggi Pompei è un vasto sito archeologico protetto dall’UNESCO. Durante lo scavo, il team ha realizzato che la maggior parte degli scheletri che hanno trovato erano circondati da un vuoto. Nelle cavità sono stati versati intonaci di alta qualità e sono stati creati calchi dettagliati dei cittadini di Pompei congelati nel tempo che hanno perso la vita durante l’eruzione.

Gli scienziati ritengono che la sua prossima eruzione sarà immensa. Ad oggi, ci sono circa 600.000 italiani che vivono nella zona rossa del vulcano.