A Pompei una tomba testimonia la presenza del mondo greco

·1 minuto per la lettura
featured 1473810
featured 1473810

Roma, 17 ago. (askanews) – Una nuova scoperta a Pompei: chi usciva da Porta Sarno nella città romana si trovava di fronte questa tomba, ora riesumata da una campagna di scavo: sepoltura molto particolare, la prima prova dell’esistenza di spettacoli in lingua greca nella città sepolta dal Vesuvio.

Lo dice l’iscrizione sulla lastra marmorea: il sepolto Marcus Venerius Secundio, liberto, custode del tempio di Venere, lui da solo organizzava spettacoli in greco e latino, spiega il direttore generale del parco archeologico di Pompei, Gabriel Zuchtriegel: “E’ la prima testimonianza certa di esibizioni in lingua greca a Pompei; sappiamo che soprattutto le persone d’elite imparavano il greco; adesso abbiamo la notizia che si tenevano anche spettacoli in greco. Un mondo davvero aperto al Mediterraneo”.

La tomba di Marcus Venerius Secundio è anche affrescata, e contiene inoltre i resti del suo proprietario, un’altra scoperta particolare perché all’epoca nel primo secolo si preferiva la cremazione per gli adulti. Mantenuto in una camera chiusa, il corpo si è preservato così bene da sembrare mummificato:

“Si vedono i capelli, si vedono i resti di un orecchio; bisogna capire se questo era intenzionale o meno” spiega Zuchtriegel.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli