Pompieri morti ad Alessandria: chi sono le tre vittime dell’esplosione

pompieri morti ad alessandria

Sono tre i pompieri morti nell’esplosione verificatasi nella notte tra lunedì 4 e martedì 5 novembre a Quargnento, in provincia di Alessandria. I tre vigili hanno perso la vita mentre tentavano di spegnere l’incendio. Si tratta di Antonino Candido, 32 anni; Matteo Gastaldo, 47 anni; Marco Triches, 36 anni. Il Capo Dipartimento dei Vigili del fuoco ha espresso “profondo cordoglio e vicinanza” alle famiglie delle vittime. Si contano, inoltre, tre feriti: due vigili del fuoco e un carabiniere.

Chi sono i pompieri morti ad Alessandria

Sono in corso le indagini dei Carabinieri per ricostruire l’esatta dinamica dell’esplosione, mentre prende corpo l’ipotesi dell’origine dolosa dell’accaduto (le prime indiscrezioni parlano del ritrovamento di dispositivi di innesco sul posto). Secondo quanto emerso dalle prime ricostruzioni, le squadre dei Vigili del Fuoco sarebbero intervenuti poco prima delle 2 di notte in una palazzina di via San Francesco d’Assisi, parzialmente crollata per una deflagrazione. La seconda esplosione, quella che li ha investiti, si è verificata mentre si trovavano in una cascina disabitata situata a poca distanza e utilizzata come deposito di bombole a gas.

La tragedia si è verificata in un piccolo comune (poco più di mille abitanti) nella pianura che circonda Alessandria, al confine con il Monferrato. Sono numerose le cascine presenti sul territorio, tra cui anche quella di Quargnento.

Il racconto di un testimone

“C’è stata una piccola esplosione prima di mezzanotte ma non ci ho fatto troppo caso”, ha raccontato un abitante della zona. “Poi ho sentito arrivare i Vigili del Fuoco. Poco dopo la mezzanotte, c’è stato un botto molto più forte che ci ha svegliati”.