Poniz (Anm): no strumentalizzazioni politiche sulla prescrizione

Fcz

Milano, 1 feb. (askanews) - No a ogni forma di "interessata strumentalizzazione politica" sull'istituto giuridico della prescrizione. E' il messaggio lanciato dal presidente dell'Anm, Luca Poniz, durante il suo intevento alla cerimonia per l'inaugurazione dell'anno giudiziario a Milano.

"Quello che, sull'argomento, rifiutiamo - ha messo in chiaro il numero uno dell'Anm - è la contesa manichea, la prospettazione di scenari apocalittici, e ancora peggio l'interessata strumentalizzazione politica di questa o quella posizione, questa o quella precisazione, questo o quel distinguo: ciò che nel nostro linguaggio è da sempre segno di profondità e articolazione del pensiero, diviene sorprendentemente formidabile occasione di strumentalizzazione politica". Altrettanto "intollerabile", secondo Poniz, è "la lezione di garantismo che pretenderebbe di impartire chi, dal mondo della politica, non ha esitato a introdurre a suo tempo le più irrazionali ed ingiuste riforme sostanziali e processuali. E, per rimanere sul terreno stesso della prescrizione, a modificarla nel 2005 con una disciplina piegata a contingenti esigenze (e infatti subito fulminata da una Sentenza della Corte Costituzionale) e costruita su princìpi intimamente irrazionali, forieri di effetti irragionevoli, quale, tra gli altri, l'enorme impatto della recidiva sulla durata del tempo per prescrivere".