Ponte di ferro: Anzaldi, 'diventi Ponte delle Donne in ricordo fucilate da nazisti'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 3 ott. (Adnkronos) – "Sarebbe ancor più bello e doveroso che un gruppo di cittadini, anche in conseguenza dell’incidente di ieri, chiaramente conseguenza e simbolo della cattiva gestione del territorio, delle strutture e delle emergenze, chiedesse al nuovo sindaco di Roma di cambiare il nome al Ponte dell’Industria (che peraltro non ha più un significato in quel posto) in Ponte delle Donne. Sarebbe una decisione giusta ma tardiva che farebbe bene al ricordo di quelle dieci eroine e soprattutto farebbe bene alla nostra società e al nostro futuro. Speriamo". E' quanto scrive il deputato di Italia Viva Michele Anzaldi in un intervento su Huffington Post, a proposito del rogo al Ponte dell'Industria a Roma, noto anche come Ponte di Ferro.

"Tanti si fermeranno – prosegue Anzaldi – sul fatto di cronaca, sulla storia di quel ponte che addirittura è stato costruito nel 1862, su quel ponte che fa parte della storia romana e italiana, poiché molti, magari inconsapevolmente, lo hanno visto e conosciuto grazie a Totò nel celebre film di Camillo Mastrocinque 'La banda degli onesti', dove il celebre attore si reca per buttare nel Tevere la valigia con le matrici".

"Tanta storia e tante storie da quel ponte sono passate, ma oggi e proprio oggi che si parla di donne e del loro ruolo, di gente che parla con un certo revisionismo di nazismo, che segna i muri di Roma con le svastiche o addirittura ha le bandiere, sarebbe bello che i mezzi di comunicazione di massa come la tv raccontassero la storia che ricorda quel cippo commemorativo che, venendo da piazzale della Radio, si trova subito dopo il ponte, sulla sinistra".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli