Ponte di Ferro, ipotesi rogo partito da un fornelletto di un clochard. Partita l'inchiesta

·1 minuto per la lettura

Un fornelletto a gas, in un giaciglio di fortuna sulla sponda del Tevere, sarebbe stato la causa scatenante dell’incendio del ponte dell’Industria, conosciuto come “il ponte di ferro”, a Roma. Questo il dettaglio principale che emerge da alcune foto contenute nella prima informativa inviata dalle forze dell’ordine alla procura. E la procura di Roma ha avviato un’indagine per incendio colposo e delitti contro la pubblica incolumità è stata aperta dalla Procura di Roma in relazione al rogo che ha gravemente danneggiato il Ponte di Ferro nella zona Ostiense. 

Il procedimento è stato affidato al procuratore aggiunto Giovanni Conzo. L’indagine punta a chiarire le cause del rogo e non è escluso che verrà affidata una consulenza tecnica. Al momento sembra quindi tramontare l’ipotesi del corto circuito

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli