Ponte Messina, Musumeci: "Stanchi di essere considerati marginali"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

"Noi vogliamo diventare il cuore del Mediterraneo. La piattaforma naturale delle navi che lo attraversano. Non è possibile diventarlo se non c'è l'alta velocità. Non ci può essere alta velocità se non si attraversa in tre minuti lo Stretto di Messina. Questo è l'appello che lancio al governo: siamo stanchi di essere considerati marginali rispetto al Continente Europeo". Lo ha detto il presidente della Regioni Siciliana, Nello Musumeci, a Catania in conferenza stampa col governatore delle Calabria, Nino Spirlì, e l'amministratore delegato di Webuild, Pietro Salini.

"Per le persone in buona fede - ha aggiunto parlando della realizzazione dell'opera - i problemi sono tecnici, per quelle in malafede, che sono tante nella politica dei Palazzi romani e non solo, è la volontà di mantenere il sistema Italia diviso in due: un Nord ricco e opulento, che produce, e un Sud povero che arranca e consuma i prodotti del Nord. Finiamola con questa farsa".

“Abbiamo la necessità di cogliere la presenza importante dell'imprenditoria nazionale e internazionale - ha evidenziato Musumeci- per parlare di Ulisse. Chi è Ulisse? Il Ponte sullo Stretto. Da oggi lo chiameremo così, perché l'opera è considerata una figlia di....".

"Il Governo Draghi - ha infine detto Musumeci- è un governo di emergenza per situazione di emergenza, e Calabria e Sicilia rivendicano il diritto di sapere di cosa si vuole fare di Ulisse, del Ponte sullo Stretto. Basta con i rinvii. Ci dicano se le due regioni sono ancora continente Europeo. Non ci offendiamo”. (Di Francesco Bianco)