Ponte Morandi, gip: pressioni su periti da consulenti indagati

Fos

Genova, 16 gen. (askanews) - I consulenti degli indagati per il crollo di Ponte Morandi avrebbero fatto pressioni sui periti del gip Angela Nutini, che si occupa del secondo incidente probatorio sulle cause della tragedia, rendendo lo svolgimento del loro lavoro "poco sereno". A segnalarlo al procuratore capo di Genova, Francesco Cozzi, è stato lo stesso gip Angela Nutini.

Sarà il procuratore capo di Genova ora ad effettuare le verifiche del caso per valutare se vi siano gli estremi di reato. Le presunte pressioni sarebbero emerse dopo la richiesta da parte dei consulenti degli indagati di eseguire alcune prove di carico su una trave dell'impalcato, a cui si sarebbero opposti i periti del gip sostenendo che non servissero.