Ponte Stretto, Rixi (Lega): grave stralcio da Recovery Fund

Pol-Afe
·1 minuto per la lettura

Roma, 15 set. (askanews) - "Il governo dimentica il Sud, nonostante abbia un fior fior di ministri che lo dovrebbero rappresentare: l'esclusione del Ponte sullo Stretto dall'elenco delle opere finanziabili con il Recovery fund è un fatto grave, che dimostra la volontà di non usare le risorse per opere infrastrutturali attese da decenni. Il progetto del Ponte sullo Stretto è pronto al ministero dei Trasporti: sarebbe bastato inserirlo tra le opere finanziabili e i lavori sarebbero potuti partire. Invece, dopo le promesse agostane del ministro De Micheli, che disquisiva anche della possibilità di un tunnel sottomarino, alla resa dei conti il collegamento Messina-Reggio Calabria è sparito, precludendo di fatto il collegamento della Sicilia all'Alta Velocità. In queste ore i nostri rappresentanti a Bruxelles stanno lavorando per reinserire, dopo lo stralcio avvenuto durante il governo Monti, il Ponte sullo Stretto tra i corridoi di rilevanza europea Ten-T, per dare un'adeguata strategicità all'opera nei collegamenti tra Nord e Sud Europa e tenere aperta la porta a futuri finanziamenti europei". Lo dichiara il deputato e responsabile nazionale dipartimento infrastrutture della Lega Edoardo Rixi.